Ritratto di Minni

Sassi dipinti - ritratto di MinniEcco il secondo sasso dipinto commissionatomi da Vincenzo ed Emanuela di Modena: il nome della gatta è Minni! Minni è meno appariscente della sua compagna di giochi Luna, però dipingerla è stato molto divertente, perché il suo pelo multicolore a ‘squama di tartaruga’ è pieno zeppo di contrasti, sfumature e chiaroscuri. Come spiegavo nel mio articolo precedente, mettendo a confronto i due gatti si possono notare differenze nella forma degli occhi e nello sguardo. Più ‘vigile’ e fiero quello di Luna, più ‘pacioso’ quello di Minni. Questo è uno degli aspetti fondamentali da tenere presente quando si vuole realizzare il ritratto di un animale sulla pietra: per ‘rapire’ la sua essenza è molto importante scegliere sassi che abbiano una forma che permetta di rispettare le proporzioni del corpo e della testa, che presentino un buon volume e non siano troppo sottili e – cosa più importante – realizzare un disegno preliminare accurato (in questo caso ho utilizzato una matita bianca, essendo la stesura di acrilico di base molto scura). Solo successivamente, quando si è totalmente soddisfatti della traccia a matita si passa ai pennelli e al colore.Sassi dipinti - ritratto di Minni

Potrebbe anche interessarti:

5 risposte a Ritratto di Minni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *