Una sfida appassionante su un sasso incredibile!

Uccelli dipinti sui sassiOggi vi mostro il mio ultimo lavoro su pietra. Come avrete capito si tratta di un’opera unica, perché la forma del sasso sul quale ho lavorato è realmente strepitosa. Ringrazio il Sig. Paolo di Trieste che me l’ha commissionato e lascio a lui la parola: “Buonasera Signor Rizzo, sei anni fa, mentre camminavo per il Carso triestino, mi imbattei in una strana pietra dalle sembianze di un uccello. Anzi, a prima vista, in mezzo all’erba, mi parve quasi un uccello reale. Lo portai a casa e da quel giorno “razzola” nel mio giardino. Ora, vedendo i suoi magnifici lavori, mi chiedevo se la nostra pietra potesse ispirarla nella realizzazione di uno dei suoi incredibili animali. Sarebbe bello che il sasso, già modellato dalla natura, prendesse vita sotto i suoi abili colpi di pennello”.

Sassi dipinti uccelli
Inutile dirvi che ho raccolto immediatamente la sfida! Già dalle foto inviatemi però era chiaro che non si trattasse di un lavoro semplice: il sasso è piuttosto grande (oltre 30 cm) e ha di certo una bellissima forma, ma la zona del becco è poco pronunciata, per cui avrei dovuto aiutarmi con i chiaroscuri per dargli maggiore profondità e farlo sembrare più appuntito. Inoltre, come ho poi potuto constatare da vicino, la superficie della pietra è ruvida e presenta in molti punti spaccature e fori che avrei dovuto sapientemente ‘camuffare’ con il colore. Ho troppo rispetto per il lavoro fatto nei decenni da Madre Natura e non utilizzo quasi mai paste sintetiche per turare buchi o limare imperfezioni: preferisco misurarmici tentando di sfruttarli a mio vantaggio. Non era neanche facile scegliere il soggetto da dipingere. Di comune accordo col Sig. Paolo abbiamo stabilito dovesse essere una grandule maschio, volatile parente di colombi e pernici, dal piumaggio ricco e variopinto. E ora passiamo al procedimento di realizzazione step-by-step!
Sassi dipinti uccelli

Per prima cosa realizzo un veloce disegno a matita per individuare i punti ‘critici’ della pietra e studiare le proporzioni dell’uccello. Non si tratta ancora del disegno definitivo, più che altro questo schizzo mi serve per ‘prendere confidenza’ col supporto. Successivamente stendo un paio di mani di acrilico di base: un ‘verdaccio’ nella zona superiore (ottenuto mescolando giallo di cadmio medio, nero, verde vescica e terra di siena naturale) e del bianco puro in quella inferiore. Attendo che il colore asciughi ed eseguo un nuovo disegno a matita bianca più rifinito, concentrandomi sull’andamento delle penne delle ali, adattandole dove serve alle spaccature della roccia. Ripasso le tracce a matita con del nero diluito, in modo da circoscrivere tutte le aree, e poi inizio a dipingere i singoli elementi uno ad uno scendendo sempre più in profondità nel dettaglio. Ho addolcito la zona del petto (particolarmente squadrata) dando l’illusione che il piumaggio fosse bombato e, più in basso, ho anche realizzato la zampa della grandule. Il sasso, dipinto su entrambi i lati, firmato e protetto con vernice finale opaca è pronto a tornare a casa!


Ed ecco la grandule razzolare su e giù per il nostro giardino in cerca di semi! Ho ingrandito l’opera in alcuni punti per farvi apprezzare la qualità dei dettagli. Cliccate sulle immagini per ingrandirle.

Uccelli dipinti su pietra

Potrebbe anche interessarti:

18 risposte a Una sfida appassionante su un sasso incredibile!

  • barbara scrive:

    STREPITOSO, dall’inizio alla fine!! :)

  • stefaniab. scrive:

    Semplicemente strepitose le tue creazioni, dipingi da far paura.
    Io ho iniziato da poco a dipingere anche sui sassi.
    Ti avevo scritto su facebook, se ti va dai un’occhiata alla mia pagina o al mio blog.

  • Roberto Rizzo scrive:

    @ Barbara: grazie!

    @ Stefania: grazie del commento, ti ho inviato un messaggio su facebook.

  • meri scrive:

    Che dire…senza parole…..sembra di sentire il cinguettio per quanto sembra reale…i tuoi lavori sono fantastici…..

  • Patrizia scrive:

    Ciao Roby, sinceramente sono rimasta basita solo vedendo la forma del sasso! Chiaro che con il tuo talento e’ stato semplice utilizzarlo al meglio. Trovo il tuo lavoro semplicemente fantastico e molto realistico.
    Un caro saluto da Patty

  • Bob Brightman scrive:

    Your work is simply astounding, I think you are simply the best rock artist in the World!! Sorry I don’t speak Italian but I love your country and your people who are real artists and love and appreciate art.
    Ciao
    Bob

  • aldacrispino scrive:

    Sei formidabile nel tuo lavoro, ci sarebbere tanti aggettivi, ma mi limito a dire che sei veramente un artista.

  • Marianna scrive:

    E’ stata una collaborazione, tra la natura e te, da lasciare a bocca aperta!! E’ capitato proprio nelle mani giuste questo sasso…è magnifico!! Sei davvero ricco di talento!!! Complimenti!!!!

  • Maria scrive:

    Solo tre parole: è un capolavoro!!!

  • mrs onion scrive:

    Sono una decoratrice, non ho potuto far altro che ammirare quest’ultimo lavoro: veramente notevole!!! Ho sempre desiderato cimentarmi nella decorazione dei sassi ma mi manca la materia prima: i sassi!!!!!!!!!!

  • Anto scrive:

    Non ho parole, è semplicemente strepitoso. Ciao, Anto

  • yvette scrive:

    Wow, questo sasso è capitato nelle mani giuste, sono veramente colpita dalla bellezza dell’opera!!!
    Complimenti sinceri Roberto!!!
    Al Sig. Paolo va anche un po’ di merito…per l’occhio e la perspicacia di avertelo proposto :)
    Ciao :)*

  • Roberto Rizzo scrive:

    Grazie mille a tutti/e voi!

  • Paolo scrive:

    Sono Paolo e devo dire che oggi che ho riavuto in mano il sasso non mi sembrava più lo stesso per quanto era dipinto in modo strabiliante e ricco di particolari. La natura è sempre stata un’artista provetta, ma il talento di Roberto ha reso il sasso un vero capolavoro. Complimenti!
    Paolo

  • Roberto Rizzo scrive:

    Gentile Paolo, grazie di cuore del commento e di avermi dato la possibilità di lavorare su questo sasso fantastico!

  • Ugo Capulli scrive:

    Caro Roberto,
    Sono passati ben 11 anni dal mio matrimonio con Carmen e ancora oggi coloro che hanno ricevuto la nostra bomboniera con i gatti dipinti (allora lavoravi alle tue opere in una casa a Bagnoli) si complimentano per la nostra scelta (a dire il vero fu mio suocero che ci indirizzò a te) e per la bellezza delle tue opere. Se mai fosse possibile sei diventato ancora più bravo.
    Complimenti Roberto e tanti cari saluti
    Ugo e Carmen (Napoli)

  • Roberto Rizzo scrive:

    Cari Ugo e Carmen, che piacere risentirvi!
    Vi ringrazio…il vostro commento ha rievocato tutta una serie di ricordi preziosi, che custodisco nel cuore gelosamente. Mi auguro di rivedervi a Napoli quanto prima, sarete i primi a sapere dei miei prossimi spostamenti!
    Un grande abbraccio e a presto.

  • Emilio scrive:

    Belli e molto originali, saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *