About me

Diario di una vita da artista | Roberto Rizzo

Pavone su commissione

Rieccomi qua, di rientro da un periodo tutt’altro che facile. Lasciandomi alle spalle il peggior Natale di sempre e tante, tante altre cose di certo molto più preziose di una mera ricorrenza. Ma non parlo mai volentieri di me e quindi, come spesso si suol dire: ‘che la vita continui’. Immagino che tanti di voi (ma ci sarà poi qualcuno che mi legge?) mi abbiano dato per disperso, visto il tempo passato dall’ultima pubblicazione. In realtà ho ripreso a dipingere senza fretta, tentando di non prosciugare le mie esigue risorse energetiche. Un asceta che riprende a nutrirsi dopo un lungo digiuno deve mandare giù ogni boccone lentamente. Oggi pubblico questo lavoro che è stato realizzato su commissione per una gentile cliente d’oltreoceano. E’ il mio terzo pavone dipinto su pietra. Realizzai il primo tantissimi anni fa e da allora questa idea è stata una fra le più copiate. Bene, eccovi un ‘upgrade’.

Potrebbe anche interessarti:

Morgana e Bella | Ritratto su commissione

Ritratto su commissione - Morgana e BellaRitratto su commissioneChe cos’è un’emozione? Come si catturano certe segrete vibrazioni interiori? Da artista devo confrontarmi ogni giorno con la ricerca di quell’alchimia, che, almeno per quanto mi riguarda, rimane un pensiero fisso, un limpido obiettivo al quale tendere. Nel mio mestiere (perché di questo si tratta e non di un velleitario ‘passatempo’ come qualcuno vuol farvi credere) niente è semplice o immediato come può sembrare. La maggior parte delle opere in mostra sul sito sono il frutto di notti insonni, prove di colore, idee afferrate al volo nei momenti più impensati, traiettorie mentali effimere, tentativi che non è detto vadano sempre a buon fine. Qualche volta accade che l’emozione sopraggiunga ancor prima di iniziare un lavoro, come nel caso della foto utilizzata per questo ritratto su commissione. Mi ha letteralmente stregato fin dal primo momento, e non solo per la tenerezza dell’abbraccio in sé: in essa scorgo qualcosa di più profondo, un legame che passa dall’essere umano all’animale, un istante di vera comunione. Grazie Morgana, dipingere te e Bella insieme è stato fantastico!

Potrebbe anche interessarti:

Illustrazione per Playtime

IlustrazioniLoghiQualche giorno fa, andando a fare la spesa al supermercato, mi sono imbattuto in una scatola di pasticcini al limoncello della Playtime con illustrazione da me realizzata tempo addietro proprio per questo prodotto. Che sorpresa, me n’ero quasi dimenticato! Riprodurre quei biscotti (non si può certo dire che fossero particolarmente ‘belli’) fu abbastanza complicato e ci vollero ben tre differenti proposte prima che il committente fosse pienamente soddisfatto. Oltre all’illustrazione principale ho realizzato anche il nuovo logo che campeggia su tutta la nuova linea di prodotti. Non ho saputo resistere e ho acquistato la confezione per ricordo…e dire che quei pasticcini non sono proprio di mio gradimento!

Potrebbe anche interessarti:

Relitto

Quadri surrealistiL’idea alla base di ‘relitto’ era di rappresentare uno scorcio immediatamente riconoscibile della mia città alterandone gli elementi quotidiani per convertirli in un paesaggio irreale, ricco di simbologie misteriose, sfruttando innanzitutto l’accostamento di due colori: il giallo del tufo e l’azzurro dell’acqua e degli squali. Il vicolo oramai greve di silenzio, lontano dal rumore e dal brulicare di vita consueti, la volta del cielo sostituita dal reticolo dell’increspatura marina rivelano Napoli come un relitto, un luogo d’abbandono dove sopravvive un’unica specie predatrice che si aggira minacciosa tra i portoni borbonici. I panni stesi non sottolineano più il caratteristico fremere delle esistenze, ma raffigurano le bende delle ferite della città. E’ la mia personale denuncia ai problemi atavici che la mia terra deve affrontare da sempre, una terra che amo e che non posso smettere di sognare diversa. Questo dipinto venne selezionato nel 2007 tra le opere del concorso ‘Profilo d’arte‘ indetto da Banca Profilo ed esposto al Museo della Permanente a Milano, dove in seguito è stato venduto.

Potrebbe anche interessarti:

I bambini d’Africa

Bambini africaniNon esistono tramonti,
né savane fiammeggianti,
né lingue di sabbia sorte per incanto
da acque di puro cristallo
che in me più nitide rivivranno
di certi vostri sorrisi

Non esistono isole dell’amore
né paradisi terrestri
e nemmeno il ruggito del leone
o lo scatto del leopardo
hanno accelerato i battiti
più delle vostre mani tese

Non esistono sapori
di spezie e cocco
aragoste e granchi
e il succo maturo del mango
mi è sembrato meno dolce
di tutti i vostri sguardi

Che mi hanno raccontato l’Africa
fermandone il ricordo
cambiandomi il ritorno
alla vita di sempre
con un sogno da conservare
per poter ricominciare.

Potrebbe anche interessarti:

In partenza per la terra dei leoni!

Leone dipinto ad acrilico su pietraIl leone è il sovrano incontrastato della savana e più di ogni altro animale incarna il mistero della natura selvaggia e dell’avventura. Sto per mettermi in viaggio verso i luoghi incredibili che ospitano questi splendidi felini e per la prima volta potrò ammirarli nel loro habitat naturale armato solo di fotocamera, un blocco per schizzi, qualche matita e l’entusiasmo di un ragazzino. Per un po’ non potrò aggiornare il blog ma conto di rinverdire l’ispirazione, ricaricarmi di nuovi spunti creativi e mettere tutto a frutto al mio ritorno. Per ora vi saluto, mamma Africa è già pronta ad accogliermi fra le sue braccia! Jambo!

Potrebbe anche interessarti:

Pagina 1 di 3123