Archivi del mese: agosto 2012

Orsi abruzzesi

Sassi dipinti - orsi abruzzesiDue piccoli omaggi all’Abruzzo, regione che amo e nella quale torno ogni anno per esporre i miei lavori. Si tratta di due sassi dipinti di una decina di centimetri circa. Nel primo ho dipinto il paese di Pescasseroli visto da un’altura, nel secondo, sullo sfondo, il profilo imponente del Gran Sasso.

Potrebbe anche interessarti:

Croce di mare

Dipinti - croce di marePerché anche quest’anno l’estate volge al termine e non c’è proprio verso di farla tornare indietro. Perché non te l’aspettavi mica che un Ferragosto a Ladispoli potesse rinfrancarti, manco ti trovassi su un’isola greca. Perché fissare obiettivi irrealizzabili di fronte alle onde è un passatempo che ci ha appassionato sempre più del sudoku. Perché alla sublime inutilità dell’Arte finisci sempre col sacrificare il tuo tempo utile. Perché nessuno più ti creda coraggioso solo per aver scelto quello che sai fare meglio. Perché il pensiero che quella parte di te continui ad ardere nelle case altrui ti consola almeno in parte dall’averla scambiata con dei pezzi di carta. Perché ci sono opere in cui riversi tutto te stesso ma che non riescono a imporsi, per orditi astrali che fatichi a sbrogliare. Perché ci saranno sempre figli dal talento incompreso che interrogati restano muti e in ombra, con la sindrome da lavagna. Perché anche se non puoi più ammirarlo dalla finestra di casa, il Mediterraneo sei certo di portartelo in tasca. Perché l’ingiustizia del mondo venga mitigata da qualche ora di solitudine sacra. Perché in fondo ognuno conservi un proprio modo di pregare, finanche un ateo. E perché questo, forse, è il tuo.

Potrebbe anche interessarti:

Ghepardo

Sassi dipinti - ghepardoDipingere su pietra i felini è entusiasmante ma anche impegnativo. La loro eleganza li rende pezzi d’arte unici, di grande impatto. A chi voglia cimentarsi con questa tecnica consiglio sempre di costruire un nutrito archivio fotografico sia in formato cartaceo che in digitale: è essenziale se si vogliono cogliere tutti i dettagli di un determinato soggetto. Infatti leopardi, giaguari e ghepardi possono sembrare a prima vista molto simili tra loro, mentre in realtà ognuno possiede caratteristiche uniche: forma del cranio, posizione degli occhi e macchie della pelliccia.

Potrebbe anche interessarti:

Indovinelli visivi: droodle #4

Funny droodles by Roberto Rizzo
E’ da un po’ che non posto nuovi droodles e visto che Ferragosto ormai è alle porte voglio proporvene uno per così dire ‘estivo’. Sono troppo buono mi sa…vi ho dato un grosso aiuto! Come al solito per la soluzione basta cliccare sul link in basso. A presto, con nuovi indovinelli visivi!

Mostra soluzione

Tuffatore cauto

Potrebbe anche interessarti:

Fiaba violenta

Dipinti surrealisti - Fiaba violenta | Roberto RizzoBuona parte dei miei dipinti risente dell’influenza esercitata dalla mia città natale, Napoli. ‘Fiaba violenta si ispira alle terribili storie di camorra che da anni ne sconvolgono la quotidianità. Il boss-coccodrillo può ritornare indisturbato e gongolante al suo mare paludoso dopo aver commesso un atroce delitto: si evince dalla lama insanguinata e dall’unica finestra accesa: quella della stanza nella quale il fatto si è compiuto. Il resto delle case dorme o finge di dormire, avvolto in una nebbia omertosa e sinistra. A sottolineare la violenza dell’atto rimane il pino, che si deforma al passaggio del rettile. L’acqua allaga la città penetrandovi all’interno, l’orizzonte obliquo evidenzia la precarietà del vivere. Utilizzare un animale al posto di un essere umano mi è servito a stemperare la drammaticità della scena e dar vita così a una sorta di illustrazione per l’infanzia nera, simile a quelle che da bambini alimentavano le nostre paure.

Potrebbe anche interessarti:

Pagina 1 di 212