Archivi del mese: febbraio 2013

Ritratto di Ariel

Cani dipinti sui sassi - ritratto di Ariel

Un nuovo ritratto appena terminato, realizzato su richiesta di Alessandra, che ringrazio. La cagnolina si chiama Ariel ed è stata dipinta su un sasso di una quindicina di centimetri circa. Presto raggiungerà la sua destinazione, un paesino in provincia di Siena, dove affiancherà la gemella in carne ed ossa. Siete interessati a un ritratto su pietra del vostro fedele compagno di vita? Contattatemi utilizzando il modulo contatti, riceverete un preventivo indicativo sulla base della vostra richiesta e senza alcun impegno. Per saperne di più vi invito anche a consultare la pagina delle F.A.Q.

Potrebbe anche interessarti:

Natura morta con inseparabile

Animali dipinti - pappagallo dipinto su telaTra gli animali dipinti su tela negli ultimi anni che ricordo con maggiore piacere spicca questa piccola natura morta ‘sui generis’ che realizzai in occasione di una collettiva di pittura organizzata a Napoli. L’opera in quell’occasione venne poi venduta e la ricordo ancora con grande affetto, perché ricca di colore e al tempo stesso vibrante di ‘calore’ (l’accostamento di gialli, rossi e verdi fa venire subito in mente un certo esotismo tropicale). Ricordo che la dipinsi in un febbraio particolarmente rigido, in omaggio all’estate lontana della quale sentivo una grande mancanza.

Potrebbe anche interessarti:

L’ultimo rinoceronte

Pittura acrilica e dipinti di animali - l'ultimo rinoceronteQuesto dipinto ha risucchiato negli ultimi giorni tutte le mie energie. Si tratta di un’opera di grandi dimensioni, fortemente influenzata dal mio viaggio in Africa, cominciata prima della partenza e terminata solo oggi, a un mese di distanza dal mio ritorno. Il rinoceronte è tra gli animali che non ho avuto la fortuna di ammirare durante le escursioni all’interno dei parchi nazionali, e purtroppo mi è stato confermato che il loro numero continua a diminuire anno dopo anno.
Pittura acrilica - dettaglio dipinto
Il cielo minaccioso rappresenta il mistero e la forza del continente nero e risuona come un monito della Natura, furiosa all’invocazione d’aiuto del suo ultimo figlio. Non voglio vivere in un mondo senza rinoceronti, è inaccettabile pensare di cancellare una specie a causa di superstizioni meschine. Spero di contribuire nel mio piccolo, con l’arte, a richiamare l’attenzione su questi temi. Anche l’impegno pratico nel realizzare quest’opera è stato totalizzante: si è trattato di un parto travagliato, un quadro abbandonato e ripreso più volte, che – in un giorno particolarmente difficile – ho perfino rischiato di cancellare. Ragazzi, il mal d’Africa esiste davvero, ve lo assicuro. Ed è una condizione dell’anima dalla quale ci si separa a malincuore e solo con grande fatica; condizione dalla quale credo di essere ‘guarito’  grazie a questo dipinto che mi dà l’opportunità di ammirarla dal di fuori, imprigionata su tela.

Potrebbe anche interessarti:

I miei dipinti surrealisti su Sunrise Artists

Un nuovo articolo su di me e i miei dipinti surrealisti è stato pubblicato su Sunrise Artists. Tra i problemi maggiori che ogni artista deve affrontare c’è quello di promuoversi e far conoscere il proprio lavoro. Restare confinati per settimane nel proprio studio (parlo per me soprattutto) all’inseguimento di idee e sfumature di certo non aiuta. Ecco perché ringrazio di cuore Donya Mound per il prezioso lavoro di ricerca che il suo fantastico sito svolge, per aver condiviso il mio lavoro e per l’estrema gentilezza e disponibilità mostrate. Faccio il tifo per voi!

Potrebbe anche interessarti:

Foca dipinta su pietra

Dipingere su pietra - focaPer dipingere su pietra foche e pinnipedi c’è bisogno di sassi dalle forme allungate che siano più alti nella zona della testa e più bassi nel punto che ospiterà la coda. Mi piace molto ritrarre questi mammiferi acquatici e ricreare ad acrilico le pieghe di grasso del corpo e l’effetto ‘bagnato’ del pelo.

Potrebbe anche interessarti:

Pagina 1 di 212