Rane dipinte sui sassi | La mantella aurantiaca

Rane dipinte sui sassi - mantella aurantiacaAdoro dipingere ad acrilico lasciando come base la nuda pietra. Realizzando l’ombra dell’animale col nero diluito si ottiene un effetto tridimensionale molto accattivante! Quella in foto è una mantella aurantiaca, una piccola rana terrestre che vive esclusivamente in un’area ristretta delle foreste tropicali del Madagascar. E’ un anfibio bellissimo e delicato: gli esemplari adulti misurano solo pochi centimetri ed è una specie a serio pericolo di estinzione, a causa della devastazione subita dal suo habitat naturale. Le rane ‘poggiate’ sui sassi sono tra i soggetti più apprezzati alle mie esposizioni, grazie all’effetto ‘trompe l’oeil’ che cattura subito l’attenzione. Possono essere utilizzate come fermacarte artistici esclusivi, per dare un tocco di colore alla propria scrivania.

Potrebbe anche interessarti:

Farfalle su sassi | Idee per bomboniere

Farfalle dipinte sui sassiI miei sassi dipinti possono anche trasformarsi in bomboniere esclusive, ideali per celebrare un giorno speciale. Queste farfalle, dipinte su ciottoli di sei centimetri circa, mi sono state commissionate per un matrimonio. Ne ho realizzate tante e di molti altri tipi, ma posso mostrarvene solo qualcuna: per tutte non sarebbe bastata l’intera home page! Si tratta di pezzi unici, firmati e confezionati elegantemente uno ad uno, corredati di certificato di garanzia di autenticità. Potranno essere utilizzati come originali fermacarte o come oggetti d’arredo. E’ possibile scegliere a seconda delle esigenze il tipo e il numero di farfalle che si preferisce. Contattami se vuoi ricevere un preventivo dettagliato senza alcun impegno.

Sassi dipinti bomboniere farfalle

Potrebbe anche interessarti:

Inverno

Scoiattoli dipinti ad acrilico
Un nuovo acrilico su carta. Di scoiattoli su pietra ne ho dipinti molti negli ultimi anni, ma è la prima volta che lo scelgo come protagonista di un quadro. L’opera è di piccolo formato, per cui ho dovuto lavorare sulla pelliccia del roditore con pazienza e precisione. Un omaggio al generale inverno ormai sopraggiunto.

Potrebbe anche interessarti:

Ritratto di Briciola

Ritratti di animali dipinti su pietraQuesto sasso l’ho dipinto in memoria di Briciola, una simpatica cagnetta rimasta nel cuore della sua padrona, Simona di Roma. La fedele amica purtroppo non c’è più, ma il mio augurio è che quest’opera riesca anche solo in parte a colmare questa mancanza e conservarne più vivo il ricordo.

Potrebbe anche interessarti:

Wildlife Art | Un lupo

Wolf - wildlife art by Roberto RizzoDopo aver dipinto negli ultimi mesi esclusivamente su tela e pietra, ho deciso di ritornare al buon vecchio supporto cartaceo, che poi è sempre stata una mia passione, fin dai tempi delle prime illustrazioni editoriali, risalenti ormai all’inizio degli anni novanta. Ho utilizzato dei fogli Fabriano da 400 grammi, pensati proprio per la pittura acrilica e devo dire che mi ci sono trovato molto bene. La carta, a grana media, è spessa e resistente, ha risposto bene alle velature acquarellate senza imbarcarsi e anche ai numerosi ripassi di colore. Per la mostra di dicembre ho intenzione di realizzare una serie di piccoli quadri in puro stile wildlife art e ho pensato di iniziare con un lupo, visto che la sede dell’esposizione si trova in Abruzzo, a pochi chilometri dal famoso Parco Nazionale. Amo ritrarre questi splendidi carnivori, sono animali regali e misteriosi, che da troppi secoli si portano addosso una reputazione negativa del tutto immeritata. C’è anche un’altra novità: nei giorni scorsi il bellissimo sito Disegno e Pittura ha pubblicato un mio tutorial step-by-step su ‘la volpe’. Ringrazio di cuore Salvatore per l’ospitalità e lo spazio concessomi.

Potrebbe anche interessarti:

Un quadro sul Natale | Riflesso Divino

Un dipinto sul Natale realizzato ad acrilico da Roberto Rizzo
Questo dipinto, intitolato ‘Riflesso Divino’, entrerà a far parte delle opere in permanenza del Museo del Presepe e verrà consegnato all’inaugurazione della mia mostra di pittura a Rivisondoli. Mi sono trovato di fronte a una bella sfida: realizzare un lavoro sul Natale che fosse il meno scontato possibile. Che ne dite, ci sono riuscito? Il quadro è giocato sul primissimo piano di un dromedario (che potrebbe anche appartenere a uno dei Re Magi) nel cui occhio si riflette, in lontananza, la capanna della Natività. Mi è piaciuto evidenziare il contrasto tra il blu del cielo notturno e le tinte sabbia dell’animale che richiamano al contempo i colori del deserto, ma soprattutto trovo interessante la duplice chiave di lettura affidata al colpo di luce sull’occhio, che fa anche da stella cometa. Clicca per ingrandire.

Potrebbe anche interessarti:

Pagina 30 di 40« Prima...1020...2829303132...40...Ultima »